informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Diventare procuratore sportivo: percorso di studi e possibilità

Commenti disabilitati su Diventare procuratore sportivo: percorso di studi e possibilità Studiare a Frosinone

Diventare procuratore sportivo è il tuo sogno?

Vorresti essere il nuovo Mino Raiola, in modo da curare rinnovi di contratto e trasferimenti di calciatori del calibro di Zlatan Ibrahimovic, Paul Pogba, Gigio Donnarumma o Mario Balotelli?

Oppure, tanto per citare un altro procuratore di calcio tra i più famosi al mondo, il tuo modello è un profilo più alla Jeorge Mendes. Colui che annovera nella sua scuderia gente come Cristiano Ronaldo, James Rodriguez, Thiago Silva o lo “Special One” José Mourinho?

Come ti comporteresti nei loro panni? Ti vedi più come il primo Jerry Maguire della situazione, ovvero il procuratore sportivo senza scrupoli interpretato da Tom Cruise nell’omonimo film, oppure saresti uno scopritore di talenti e loro fidato e leale consigliere?

Anche perché le attività che possono rientrare tra le mansioni di un buon agente sono molteplici. Non solo questioni legali o diritti d’immagine. Ad esempio aiutare un proprio assistito nel curare le relazioni pubbliche o a gestire lo stress dell’attività agonistica. Ma anche aiutare i giovani talenti  a mantenere la voglia di studiare, nonostante tutto.

Perché nello sport, così come nella vita e nel business, non si può mai sapere. E studiare torna sempre utile.

Ecco come iniziare a fare il procuratore sportivo

Naturalmente, prima di rispondere a tutte le domande che abbiamo posto nella nostra introduzione, urge capire di cosa hai bisogno per intraprendere una carriera di questo tipo. Innanzitutto per districarti tra regolamento intermediari e nuove norme FIFA recepite dalla nostra FIGC . Ma non preoccuparti. Perché attraverso questa nostra guida, intendiamo fornirti tutte le informazioni necessarie per capire come diventare procuratore sportivo. Pronto per iniziare? Allora palla al centro e buona lettura.

Il procuratore sportivo nei vari contesti: regole e differenze

regolamento intermediariChiaramente ogni sport ha le sue regole. Anche su come diventare procuratore sportivo nel proprio contesto.

Va da sè che, di conseguenza, cambia anche la percezione del ruolo.

Ad esempio, per quanto riguarda l’hockey su ghiaccio, l’intermediario sportivo sono esperti in legge che assistono i loro atleti nella negoziazione dei contratti professionistici. Anche se investono su di loro ben prima della maggiore età e quindi prima di un contratto professionistico.

Nel calcio, ci sono alcune differenze anche a livello territoriale. Oltre che tra confederazioni e nazioni.

In Sud America, spesso e volentieri, sono i fondi di investimento privati a farla da padrona. Delle vere e proprie holding che hanno in carico tanti calciatori, di cui detengono in parte anche i cartellini. Ciò comporta che, se un atleta si trasferisce da una squadra ad un’altra, questi mantengono una quota di loro proprietà sull’atleta.

Tale pratica, invece, è vietata in Europa. Ciò però non significa che i procuratori di calcio del Vecchio Continente non possano, legittimamente e nel rispetto delle regole, dare vita a delle compagnie in cui diversi professionisti assistano più calciatori. Purché non siano proprietari dei loro cartellini.

Iscrizione procuratore sportivo: la rivoluzione del 2015

Rimane tuttavia molto frequente lavorare in proprio. Soprattutto dopo il 1 aprile 2015, data in cui è stata abolita la figura dell’agente Fifa.

Forse non tutti lo sanno, ma da quel giorno tutto è cambiato. Gli agenti Fifa erano coloro i quali erano in possesso della licenza per svolgere la professione di procuratore sportivo di calcio. Sia in nome e per conto dei calciatori, che delle società di calcio. Autorizzazione concessa previo superamento di un apposito esame di abilitazione.

A questo punto, di fatto, per diventare procuratore sportivo FIGC occorre inviare alla federazione un’autodichiarazione. Attraverso la quale è necessario dimostrare di essere in possesso dei seguenti requisiti:

  1. Essere legalmente residente in Italia;
  2. Godere dei diritti civili e non essere stato dichiarato interdetto, inabilitato, fallito;
  3. Non avere riportato condanne definitive per il reato di frode sportiva di cui alla legge 401/1989 ovvero per delitti non colposi puniti con la pena edittale della reclusione superiore, nel massimo, a cinque anni;
  4. Non avere riportato nell’ambito dell’ordinamento sportivo la sanzione della preclusione;
  5. Nessuna situazione di incompatibilità prevista dal “Regolamento per i servizi di direttore sportivo” e di non avere procedimenti e/o sanzioni disciplinari in essere nell’ambito della FIGC.

Fatto ciò, sarà possibile avviare l’iter per l’iscrizione al registro dei procuratori sportivi. Esso non prevede più l’esame di abilitazione, ma il pagamento di una quota annuale.

Procuratore sportivo: guadagni

Ma quanto gudagna Mino Raiola o il Mendes di turno?

Riguardo ai corrispettivi spettanti ai procuratori calcistici, il regolamento il per i servizi di procuratore sportivo specifica che:

  1. Nel Contratto di Rappresentanza deve essere indicato il corrispettivo dovuto al Procuratore Sportivo e, nel caso in cui i servizi del Procuratore Sportivo siano svolti nell’interesse di più parti, anche chi è tenuto al pagamento;
  2. Il corrispettivo per i servizi di un Procuratore Sportivo può essere stabilito in una somma forfettaria ovvero in una percentuale sui valori della transazione curata dal Procuratore Sportivo o sul reddito lordo complessivo del calciatore risultante dal contratto di prestazione sportiva, nel rispetto delle norme tributarie applicabili, e indicandone termini e modalità di pagamento nel Contratto di Rappresentanza;
  3. Nessun corrispettivo è dovuto al Procuratore Sportivo da un Calciatore che sottoscriva un contratto ai minimi federali, né da un Club nel caso in cui il Contratto di Rappresentanza sia relativo al tesseramento di un calciatore non professionista.

Inoltre, sempre secondo il citato regolamento, le parti, nello stabilire l’entità del corrispettivo dovuto al Procuratore Sportivo, possono fare riferimento ai seguenti criteri per la sua determinazione:

  1. L’ammontare totale del corrispettivo dovuto al Procuratore Sportivo per l’assistenza fornita a un Calciatore o a un Club per la stipula di un contratto di prestazione sportiva tra un Calciatore e una Società Sportiva non dovrà eccedere il 3% della retribuzione base complessiva lorda del Calciatore;
  2. L’ammontare totale del corrispettivo dovuto al Procuratore Sportivo per l’assistenza fornita ad una Società Sportiva per la conclusine di un accordo di trasferimento di un Calciatore non dovrà eccedere il 3% del valore del trasferimento.

Migliori studi per diventare procuratori calcio

Avrai capito che quello che ti interessa non è più come diventare agente Fifa, trattandosi di una qualifica abolita.

Ma per diventare procuratore sportivo occorre comunque studiare e fare esperienza. Perché come in ogni professione giuridico-economica, anche in quello legato al calciomercato o allo sport in generale, bisogna saperci fare. Almeno se si vuole fare carriera, raggiungendo buoni risultati. Come diventare direttore sportivo o avere un elenco di assistiti come quelli dei più importanti agenti citati in quessto articolo.

Se questo è il tuo obiettivo, il corso giusto per te può essere certamente il Master in Procuratore Sportivo, erogato dalla Università Telematica Unicusano. Perché ti garantisce un’offerta didattica di alto livello, in grado di specializzarti in tutto ciò che riguarda disciplina nazionale e internazionale del calcio professionistico e dilettantistico, diritti e compensi di agenti e calciatori, giustizia sportiva, analisi del calciatore e strategia di ricerca e molto altro.

Si tratta, inoltre, di un master di primo livello dalla flessibilità unica, essendo svolto in modalità e-learning. Avrai quindi la possibilitò di seguire le lezioni quando vuoi e da dove vuoi. Potendole rivedere tutte le volte che ti servono, senza alcun limite di visualizzazioni. Attraverso una piattaforma online a te riservata 24 ore su 24.

Comodo ed efficace, cosa chiedere di più?

In conclusione, speriamo di averti fornito tutte le dritte necessarie a farti comprendere cosa significa diventare procuratore sportivo. Da cosa si occupa a quale master poter frequentare per ottenere le competenze necessarie a svolgere questa professione.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali