informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Filosofi della storia: i nomi da ricordare assolutamente e perché

Commenti disabilitati su Filosofi della storia: i nomi da ricordare assolutamente e perché Studiare a Frosinone

 Ti sei mai chiesto chi sono i più grandi filosofi della storia?

Allora stai leggendo l’articolo giusto. In questa guida, infatti, vareremo per te un elenco filosofi di fama internazionale davvero completo ed esplicativo.

Coloro che hanno posto al mondo domande e riflessioni fondamentali sull’essere umano. Grandi pensatori che hanno elaborato massime e frasi sul potere della mente, ispirato o scritto libri sulla crescita personale a livello interiore e di pensiero. Ma anche sviluppato teorie e indirizzato a modo loro la cultura e la concezione della storia dei popoli. Dai filosofi antichi della Grecia classica ai filosofi moderni e di oggi, dai padri fondatori della disciplina fino ai giorni nostri.

Curioso di conoscerli tutti e di sapere quale grande contributo hanno dato a questa materia e all’umanità? Allora non perdiamo tempo e iniziamo subito. Buona lettura.

Storia della filosofia: riassunto

grandi filosofiDai presocratici del 600 a.c. al neo-pragmatismo moderno. L’elenco dei più grandi filosofi della storia si espande nell’arco dei millenni. Andiamo subito a scoprire come e quando si sono sviluppate le correnti più influenti e attraverso quali filosofi importanti.

Correnti filosofiche in ordine cronologico: dalla Grecia al Rinascimento

Per quanto riguarda la filosofia antica, possiamo distinguere tra:

  1. Presocratici (600 a.C. – 400 a.C.). Tra questi gli appartenenti alla corrente della Filosofia naturale ionica come Talete di Mileto, Anassimandro e Anassimene, ma anche alla Scuola eleatica, come Parmenide di Elea o Eraclito di Efeso, Pitagora e i pitagorici, gli atomisti come Leucippo e i sofisti come Antifone;
  2. Grecia Classica (450 a.C. – 322 a.C.). Rappresentata dai tre grandi filosofi greci ateniesi Socrate, Platone e Aristotele;
  3. Ellenismo e tarda antichità (300 a.C. – 300 d.C.). Compresi l’Accademia e il Peripato (il Liceo Aristotelico), gli epicurei e gli stoicisti, lo scetticismo, il neoplantismo e alessandrini.

Passando all’età storica del medioevo, invece, essa è divisibile in due filoni di filosofia cristiana:

  1. Patristica (100 – 500). Dai padri della Chiesa agli eretici e gnosi e gli apologeti, fino alle sistematizzazioni teologiche Sant’Ambrogio da Milano e Sant’Agostino.
  2. Scolastica (500 – 1400). Comprendente primo medioevo, prima scolastica, filosofia araba ed ebraica, alta scolastica, tarda scolastica e misticismo.

Fino ad arrivare all’Umanesimo e al Rinascimento (1400 – 1600), in cui spiccano:

  1. Poeti e artisti come Petrarca, Boccaccio, Leonardo da Vinci o Michelangelo Bonarroti;
  2. Umanisti come Angelo Poliziano, Erasmo da Rotterdam e Niccolò Cusano
  3. Filosofi della storia come Pico della Mirandola, Nicolò Machiavelli, George Buchanan o il mistico Jakob Böhm;
  4. Protestanti come John Wyclif, Jan Hus, Martin Lutero, Ulrich Zwingli e Giovanni Calvino;
  5. Scienziati della natura come Copernico, Telesio, Giordano Bruno, Galileo Galilei o Newton.

I classici della filosofia: dall’età moderna ad oggi

Dopo essere partiti dai filosofi della storia antica ed essere penetrati nel cuore del Rinascimento, eccoci giunti all’età moderna (1600 – 1800).

Quando facciamo ai filosofi moderni, ci riferiamo in particolare a due periodi storici:

  1. Età Barocca. Tra l’empirismo di Bacon, Hobbes, Locke, Berkeley, Hume o Smith, il razionalismo di Pascal o Spinoza e l’occasionalismo di Geulincx e Malebranche. E poi Michel de Montaigne e Giambattista Vico;
  2. Illuminismo. Caratterizzato, tra gli altri, da francesi come Montesquieu, Voltaire e Rousseau, la scuola inglese e lo scozzese Thomas Reid, tedeschi come Kant.

Avvicinandoci sempre più ai giorni nostri, siamo arrivati al XIX secolo. Età nella quale possiamo collocare i filosofi della storia in altre dieci correnti, ovvero:

  1. Romanticismo. Che annovera tra le proprie fila esponenti come Hamann, Scolaro, Hölderlin, Jacobi, Schlegel e Schleiermacher;
  2. Idealismo tedesco. Da Fitche a Hegel;
  3. Positivismo e scienza naturale.
  4. Materialismo. Pensa a Stirner, Marx e Engels
  5. Trascendentalismo. Egregiamente rappresentato dagli eistenzialisti Ralph Waldo Emerson e Henry David Thoreau;
  6. Pensatori solitari. Come Leopardi, Schopenhauer e Nietzsche;
  7. Neokantismo. Vedi Zeller, Cohen, Natorp, Vorländer, Windelband, Rickert, Cassirer, Riehl, Vaihinger;
  8. Psicologismo. Charles Sanders Peirce, William James, John Dewey, George Herbert Mead, Ferdinand Canning e Scott Schillr gli esponenti più importanti;
  9. Pragmatismo. Se vuoi approfondire questa corrente, dai un’occhiata a grandi filosofi della storia come Fechner, Wundt, Beneke, Lipps, Von Hartmann, Brentano o Meinong;
  10. Filosofia della vita. Da Dilthey a Simmel, passando per Bergson, Driesch e Klages.

Filosofi contemporanei famosi

Ed eccoci quasi giunti ai giorni nostri. Ma chi sono i filosofi della storia contemporanea?

Tra le varie correnti del XX secolo, troviamo:

  1. Scienziati e psicologi come Einstein, Schrödinger e Freud;
  2. Critici della cultura e della storia come José Ortega y Gasset;
  3. La fenomenologia di Edmund Husserl;
  4. Il realismo critico espresso da Külpe, Hartmann, Santayana e Wenzl;
  5. L’antropologia filosofica portata avanti da Von Uexküll, Scheler, Plessner, Gehlen, Rothacker, Fahrenbach e Rehberg;
  6. L’esistenzialismo di Heidegger, Sartre o Camus;
  7. La filosofia sociale teorizzata da Webber e Fromm;
  8. Il positivismo logico di Schlick, Waismann, Feigl, Neurath, Kraft, Menger, Gödel, Hahn, Frank, Kaufmann, Carnap, Von Wright, Ayer, Reichenbach e Hempel;
  9. La filosofia analitica dei vari Russell, Wittgenstein, Lewis, Tugendhat;
  10. Il logicismo di Peano, Hilbert, Łukasiewicz e Tarski;
  11. Il razionismo critico, tra gli altri, di Popper e Kelsenid;
  12. La filosofia politica incarnata da Hannah Arendt, Isaiah Berlin, Carl Schmitt, Günther Anders, Leo Strauss, Eric Voegelin e Robert Nozick;
  13. Il comunitarismo di Amitai Etzioni, Charles Taylor e Michael Walzer;
  14. Il neomarxismo e la teoria critica sviluppata da pensatori come Max Adler, Antonio Gramsci, Ernst Bloch, Herbert Marcuse o Hans Jonas
  15. La filosofia ebraica, in cui spiccano Gershom Scholem, Martin Buber e Franz Rosenzweig;
  16. La filosofia della religione, dei vari Tillich, Barth, Bultmann, Pieper, Lotz, Guardini e tanti altri.

A queste potremmo aggiungere la filosofia della scienza, il costruttivismo metodico e la filosofia della mente.

E, infine:

  1. Lo strutturalismo e il post-strutturalismo, che annovera tra le proprie fila geni come De Saussure, Hjelmslev, Lacan, Benveniste, Lévi-Strauss, Althusser, Barthes, Foucault, Derrida, Morin e Ricoeur;
  2. Il postmodernismo, che comprende da Deleuze a Lyotard, da Baudrillard ad Agamben;
  3. La filosofia femminista decostruttivista di Judith Butler o post-strutturalista alla Julia Kristeva;
  4. Il neopragmatismo riscontrabile nello studio di Goodman, Rorty, Brandom e Putnam.

Le più belle citazioni dei grandi filosofi

Prima di concludere questa nostra guida, abbiamo pensato di farti un ultimo regalo, ovvero una raccolta delle migliori citazioni dei più grandi filosofi della storia. Impossibile, ovviamente, citarli tutti. Per cui ne abbiamo scelto tre.

Iniziamo con Aristotele, ecco i suoi pensieri più significativi:

  • “Chi pensa sia necessario filosofare deve filosofare e chi pensa non si debba filosofare deve filosofare per dimostrare che non si deve filosofare; dunque si deve filosofare in ogni caso o andarsene di qui, dando l’addio alla vita, poiché tutte le altre cose sembrano essere solo chiacchiere e vaniloqui”

  • “Prima bisogna vivere, e dopo si può filosofare”

Proseguiamo con Albert Einsten:

  • “Esiterei a dire che saranno la filosofia e la ragione a guidare le azioni umane in un futuro prevedibile; comunque rimarranno, come sempre un bellissimo santuario per gli eletti”

  • “La filosofia è come una madre che ha dato alla luce tutte le altre scienze, dotandole di caratteristiche diverse. Quindi, sebbene nuda e povera non merita il nostro disprezzo; dobbiamo invece sperare che una parte del suo ideale donchisciottesco sopravviva nei figli, impedendo loro di cadere nel filisteismo…”

  • “Non è come se tutta la filosofia fosse scritta con il miele? A prima vista, sembra chiara, ma quando la si guarda di nuovo, è scomparsa e resta solo la pappa”

E concludiamo con Giovanni Gentile

  • La filosofia non può essere se stessa senza scaldarsi agli entusiasmi della vita intima della verità e senza assoggettarsi umilmente alla divina legge di essa, sanzionata liberamente dalla ragione”

  • “Pensare, dunque, è sempre filosofare”

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali