informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Fonti energetiche rinnovabili: quali sono e a che servono

Commenti disabilitati su Fonti energetiche rinnovabili: quali sono e a che servono Studiare a Frosinone

Sei alla ricerca di informazioni sulle fonti energetiche rinnovabili?

Fai bene, perché le energie rinnovabili rappresentano il futuro per un mondo più pulito, oltre ad essere un metodo che può insegnare a tutti come risparmiare soldi ogni giorno.

Se questo è ciò che ti interessa, stai leggendo l’articolo giusto.

In questa guida, infatti, racconteremo proprio cosa sono e quali sono le fonti rinnovabili, oltre a svelare curiosità e specificare quali vantaggi possono dare attraverso il loro pieno e corretto utilizzo.

Sei curioso di saperne di più? Allora entriamo subito nel merito. Accendi l’attenzione e concentra tutte le tue energie positive: iniziamo il nostro viaggio di ricerca sulle fonti rinnovabili.

Energie rinnovabili e non rinnovabili: tutto quello che devi sapere

Per poter comprendere bene cosa sono le fonti energetiche rinnovabili, inizieremo facendo un passo indietro e partendo dalle basi, ovvero la differenza tra esse e quelle non rinnovabili. Per poi dare una definizione esaustiva del tema che stiamo trattando, la situazione in Italia e gli studi necessari se volessi saperne di più o addirittura occuparti di questo settore. Buona lettura.

Fondi di energia non rinnovabili

L’energia non rinnovabile è quella che si basa su fonti esauribili e che anche per questo tendono a diventare eccessivamente costose, oltre che inquinanti per l’ambiente.

Tutto il contrario dell’energia rinnovabile, che è invece reintegrabile in maniera naturale nel breve e medio periodo.

Attualmente, però, le fonti non rinnovabili sono quelle più sfruttate dall’uomo, in quanto riescono ancora a produrre maggiori quantità di energia attraverso l’impiego di impianti tecnologici specifici e collaudati nel tempo. Questo processo, però, rischia di essere altamente inquinante per l’ambiente, in particolare a causa della produzione di scorie radioattive e gas serra.

Le principali fonti di energie non rinnovabili sono:

  1. Combustibili fossili come il carbone, una delle principali fonti di energia della storia, specialmente prima dell’introduzione del petrolio. Basti pensare che il carbone più antico e pregiato è l’antracite, risalente a quattrocento milioni di anni fa. Il più estratto oggi è quello derivante dalla fossilizzazione di piante acquatiche;
  2. Petrolio, il cosiddetto “oro nero”, un combustibile liquido composto da idrocarburi, ovvero atomi di idrogeno e carbonio. ovvero sostanze le cui molecole. Si tratta dal risultato della trasformazione chimica di organismi animali e vegetali. Anche se può essere estratto in superficie, solitamente viene preso dal sottosuolo e poi raffinato;
  3. Gas naturali, ovvero prodotti dalla decomposizione anaerobica di materiale organico;
  4. Uranio, plutonio e altri elementi usati per la produzione di energia nucleare.

Chiariti questi punti, passiamo alle fonti energetiche rinnovabili.

Energia rinnovabile: definizione

energia pulitaLe fonti di energia rinnovabili rappresentano forme di energie alternative e a quelle tradizionali come le fossili.

Inoltre nella maggior parte dei casi si tratta di energia pulita, in quanto non rilasciano nell’aria sostanza inquinanti e il loro sfruttamento si basa su metodi sostenibili che non pregiudica le fonti stesse.

Per fonti energetiche rinnovabili, intendiamo quindi si forme di energia in grado di rigenerarsi in tempi brevi rispetto ai tempi generazionali che scandiscono la storia dell’umanità.

A questo punto possiamo distinguere tra due tipi di fonti:

  1. Fonti inesauribili
  2. Fonti esauribili

Nella prima categoria rientrano quelle fonti di energia che si rigenerano almeno alla stessa velocità con cui vengono consumate, oppure non sono esauribili nella scala dei tempi di ere geologiche.

Nel secondo caso intendiamo quelle fonti che, seppur rinnovabili, sono esauribili. Un esempio? Le foreste che possono esaurirsi se ne vengono sottoposte ad un eccessivo sfruttamento.

Le fonti di energia alternative classiche

Per fonti energetiche rinnovabili classiche, si intendono quelle risorse impiegate dall’età industriale per produrre energia elettrica.

In particolare, esse sono rappresentate dall’energia idroelettrica e da quella geotermica. Anche se per quest’ultima non c’è uniformità di giudizio.

Quella idroelettrica, ricavata dalla forza delle acque, rappresenta una delle fonti di energie pulite più antiche utilizzate su larga scala.

Mentre l’energia geotermica è quella generata attraverso fonti geologiche ad alta temperatura.

Non rientra tra le fonti energetiche rinnovabili, invece, quella nucleare. In quanto essa si basa sullo sfruttamento di riserve limitate di combustibili di tipo minerale.

Curioso il caso dell’incenerimento dei rifiuti. Questa, infatti, viene considerata interamente rinnovabile solamente in Italia, nonostante secondo l’Unione Europea lo sono solo ed esclusivamente gli scarti biodegradabili, ovvero i rifiuti organici. Ma delle fonti energetiche rinnovabili in Italia parleremo meglio più avanti.

Nuove fonti rinnovabili: dal fotovoltaico all’energia eolica

L’espansione delle fonti energetiche rinnovabili è in forte crescita.

Tra le nuove fonti rinnovabili possiamo annoverare l’energia:

  1. Solare, attraverso il fotovoltaico o i sistemi termici e termodinamici;
  2. Eolica,  ovvero la conversione dell’energia cinetica del vento in altre forme di energia;
  3. Da biomasse, cioè derivante da materiali di scarto di origine organica, di natura vegetale e animale;
  4. Marina, proveniente da mari e oceani.

Energie rinnovabili in Italia

Come abbiamo già accennato, in Italia è l’unico Paese dell’Unione Europea che considera totalmente rinnovabile l’energia prodotta dalla termovalorizzazione e quindi l’incenerimento dei rifiuti.

Nonostante ciò, la legge italiana ha recepito, attraverso il Decreto Legislativo numero 28 del 02011, i contenuti di una normativa europea che riconosce ufficialmente le seguenti come fonti di energia considerate rinnovabili:

  1. Aerotermica
  2. Biomassa
  3. Eolica
  4. Gas di discarica
  5. Gas residuati dai processi di depurazione e biogas
  6. Geotermica
  7. Idraulica
  8. Idrotermica
  9. Oceanica
  10. Solare

Ma passiamo ai numeri legati al nostro Paese. Ecco qualche dato significativo:

  1. Fino a circa i primi anni sessanta la produzione energetica italiana è stata in larga parte rinnovabile, grazie in particolare alle centrali idroelettriche dell’arco alpino e dell’Appennino;
  2. Attualmente in Italia l’idroelettrico è una delle energie rinnovabili più sfruttate, attraverso oltre duemila centrali idroelettriche;
  3. L’eolico copre il 20% dell’energia alternativa prodotta ed è la fonte per la quale si prospetta una delle crescite maggiori nei prossimi anni;
  4. In Italia è stato sperimentato un sistema di sfruttamento dell’energia marina in grado di trasformare la corrente marina in energia elettrica per una capacità di 24-30 chilowatt;
  5. Negli ultimi anni la produzione rinnovabile italiana è tornata a crescere in maniera significativa, registrando in particolare un aumento delle delle fonti eoliche, fotovoltaiche e da combustione di biomassa;
  6. Nonostante il grande potenziale, l’utilizzo energetico delle biomasse è ancora molto scarso;
  7. La percentuale di elettricità generata da fonti pulite si attesta intorno al 33%;
  8. 3.021 comuni su 7.978 producono più energia elettrica di quanta ne consumino i residenti, idem per 8 regioni;
  9. 40 comuni italiani sono 100% rinnovabili;
  10. L’obiettivo è soddisfare entro il 2030 picchi tra il 50 e il 75% del fabbisogno nazionale.

Studi su energie rinnovabili e green economy

A questo punto siamo giunti alla fine della nostra guida sulle fonti energetiche rinnovabili.

Ma prima di lasciarti, abbiamo pensato di fornirti qualche dritta qualora fossi interessato ad operare in questo settore.

Per specializzarsi in questo ambito, infatti, esistono diverse lauree e master universitari ad hoc.

In questo ambito Unicusano rappresenta un’eccellenza, in quanto fra i suoi innumerevoli corsi eroga anche:

  1. Economia e management delle risorse naturali e dell’ambiente;
  2. Educazione ambientale e sviluppo sostenibile: un nuovo modello per la scuola;
  3. Green economy e management sostenibile;
  4. Diritto ambientale e tutela del territorio.

Si tratta di corsi che garantiscono un’alta qualità formativa e una flessibilità unica.

Grazie al profilo di assoluto valore che contraddistingue i docenti e gli esperti del settore che tengono i corsi e dalla fruibilità attraverso il sistema e-learning.

Questo ti da la possibilità di seguire le lezioni direttamente online quando vuoi e da dove vuoi. Ma non è tutto, infatti mette a tua disposizione anche tutto il materiale didattico necessario, facilmente accessibile dalla tua piattaforma personale.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali