informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come superare la paura di parlare in pubblico: trucchi e suggerimenti

Commenti disabilitati su Come superare la paura di parlare in pubblico: trucchi e suggerimenti Studiare a Frosinone

A volte può capitare di doversi trovare, per motivi diversi, di dover sostenere un discorso davanti ad altre persone. Non è raro in questi casi essere presi da una forte paura di parlare in pubblico.  Insicurezza, senso di ansia, sudorazione o secchezza, sono solamente alcuni dei sintomi che si possono manifestare. Ma come mai si ha paura? e come si può superare? Vediamolo.

La paura di parlare in pubblico: cause

Se davanti ad una platea, un gruppo di colleghi, il professore o anche semplicemente degli amici ci si sente in difficoltà al pensiero di dover esprimere un proprio pensiero allora abbiamo paura di parlare in pubblico. Ma da cosa dipende?
Le cause possono essere moltissime. Dalla semplice timidezza a problematiche psicologiche più complesse come la non accettazione di se stessi ed il senso di inferiorità.
Sicuramente essere preoccupato da uno speech in pubblico ed essere intimorito dall’esprimere il proprio parere tra amici non è la stessa cosa. La seconda situazione evidenzia un problema molto più forte e radicato che merita sicuramente un approfondimento ed una attenzione in più.

Nel caso in cui la paura subentri quando si deve parlare davanti ad una platea più numerosa, invece, è una cosa molto più comune. Ed anche meno difficile da superare.
Stesso discorso se il terrore arriva al pensiero di un esame orale davanti al professore e magari i propri compagni di studio.
Le principali cause per questi ultimi due tipi di preoccupazione possono essere, ad esempio:

  • la non esperienza
  • la timidezza
  • l’insicurezza sulla materia
  • la vergogna

Se ciò accade è possibile lavorare per risolvere il problema. Il metodo non è complesso e per la maggior parte delle persone si tratta solamente di rompere il ghiaccio la prima volta. Dopodichè la paura di parlare in pubblico si ridimensiona notevolmente. Ma se così non fosse ecco come fare.

Strategie e metodi per superare la paura

Come detto, è facile che una volta superato lo scoglio la prima volta, tutto sia in discesa, e la grande preoccupazione sentita scompaia. E’ anche però possibile, se non dovesse accadere, trovare una metodologia che possa aiutare ad affrontare meglio il momento. E con meno stress. Basta seguire queste poche regole/accorgimenti:

Una buona preparazione riduce il livello di ansia

A volte l’ansia è dovuta, inconsciamente, alla preoccupazione di non padroneggiare la materia sulla quale siamo chiamati a parlare. La soluzione allora è prepararsi. Anche se dovesse significare studiare di più e più a lungo. La sensazione di conoscere bene gli argomenti non può che rassicurare psicologicamente. Nel caso di uno studente, oltretutto, la paura è ancora più comprensibile da questo punto di vista. Perchè durante l’esame è chiamato per essere giudicato proprio sulla sua conoscenza.

L’esercizio è fondamentale

Ripetere, ovviamente ad alta voce, è importantissimo. Innanzitutto perché c’è una grossa differenza tra leggere e ripetere a mente e parlare ad alta voce. E’ diversa la cadenza da dover dare, la concentrazione e la rapidità di adattamento alle situazioni. Secondo perchè l’esercizio del parlare ad alta voce inizia a far sentire la persona nella situazione in cui sta per trovarsi. E’ una sorta di inserimento graduale. Senza contare che ripetere ad alta voce aiuta la memoria.

Sapere è meglio di memorizzare

E questo ci porta a in un punto fondamentale. Per sentirsi sicuri, sia davanti ad un professore durante l’esame che davanti ad una platea durante uno speech, non possiamo fare affidamento solamente sulla memoria semplice. Perchè nel caso di una piccola incertezza, un momento di difficoltà ciò che si è imparato a memoria scompare subito. Quello che invece ci viene in soccorso è la nostra conoscenza e padronanza di un argomento. Inoltre imparare a memoria concetti significa al 90 per cento averli dimenticati dopo breve tempo.

Ridurre ansia e stress

Se nonostante tutto si è ancora soggetti a forti stati di ansia e stress ci sono rimedi che possono favorire uno stato di calma. Come prodotti omeopatici a base di fiori di bach. O tecniche di concentrazione e rilassamento. Le stesse che spesso vengono usate da atleti o uomini politici. Ad esempio il controllo della respirazione, la meditazione  la focalizzazione su punti fissi e calmanti.
Un piccolo aiuto, se serve, non è un problema e non sminuisce il lavoro fatto

superare paura di parlare in pubblico

Esistono, infine, dei suggerimenti e delle tecniche da usare durante la prestazione in pubblico:

Parlare piano

Quando si sostiene un esame o si parla in pubblico la fretta non è mai una buona alleata. E’ meglio cercare di controllare la voce, andare piano e scandire le parole. Servirà sia a chi ascolta per comprendere meglio, sia a chi parla per esprimere meglio i concetti ed avere il tempo di riflettere seguendo il proprio ragionamento.

Concentrarsi su un punto fisso

Se avere davanti un professore od un pubblico è qualcosa che mette a disagio una buona soluzione è provare a fissare l’attenzione su un punto fisso mentre si parla. Avere la vista focalizzata in un punto aiuta a mantenere la concentrazione e non farsi distrarre da ciò che accade intorno. Spesso infatti, soprattutto durante le sessioni di esame, l’ambiente circostante può risultare caotico e portare distrazione.

Cercare una interazione ed un coinvolgimento di chi ascolta

Una buona tecnica per rendere il proprio discorso, o l’esposizione orale in un esame, efficace è coinvolgere chi sta ascoltando. L’interazione crea un collegamento più immediato. Non fa perdere attenzione alla persona che si ha di fronte e suscita un coinvolgimento positivo.

 

Questi in breve i piccoli suggerimenti per non farsi prendere dal panico e portare a termine una presentazione od un esame.

Per chi è studente, però, c’è una chance in più. L’Università telematica Unicusano, infatti, offre qualcosa in più ai propri studenti. Un servizio innovativo che tante altre università ancora non danno.

Il Tutoring allo studente. Grazie a questo servizio, l’iscritto avrà una figura di riferimento che lo accompagnerà durante tutto il percorso di studi. Il Tutor, non solo guiderà lo studente nel programmare, scegliere ed affrontare gli esami. Ma fornirà un valido supporto anche a livello morale, motivazione e, se necessario, lo aiuterà ad affrontare la paura dell’esame orale.

Grazie al Tutor, infatti, sarà possibile capire in che modo affrontare sia lo studio che la presentazione.

Se vuoi scoprire di più sull’Unicusano ed il servizio di Tutoring chiedi maggiori informazioni compilando il form qui accanto. La difficoltà e la paura non saranno sicuramente più la stessa cosa.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali