informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Principi di redazione del bilancio: ecco quali sono

Commenti disabilitati su Principi di redazione del bilancio: ecco quali sono Studiare a Frosinone

Sai quali sono i principi di redazione del bilancio?

In questo articolo troverai tutte le info e i consigli utili per redigerne uno nel migliore dei modi. Ovvero nel rispetto delle normative vigenti. Ma anche come leggerlo ed interpretarlo correttamente.

Anche perché una buona conoscenza dei criteri di valutazione del bilancio può anche aiutarti a capire come risparmiare soldi ogni giorno, se la tua azienda può permettersi un determinato investimento, o come fare la spesa per risparmiare con la tua famiglia.

Vuoi subito saperne di più? Allora non perdiamo tempo ed entriamo subito nel merito dei principi di redazione del bilancio.

Bilancio d’esercizio e principi contabili: cosa devi sapere

Nei prossimi paragrafi, andremo dunque a capire cos’è un bilancio d’impresa e quali sono le norme, le scadenze e i principi di redazione del bilancio che occorre rispettare. Per scoprire tutto ciò, non perderti le prossime righe. Alla fine tireremo le somme. Buona lettura.

Bilancio d’esercizio definizione

Prima di andare ad analizzare i principi di redazione del bilancio in maniera dettagliata, occorre fare un piccolo e doveroso passo indietro per partire dalle basi.

La domanda fondamentale da cui partire è: cos’è il bilancio d’esercizio o bilancio di impresa? Per rispondere in maniera esaustiva, prendiamo a riferimento la definizione fornita dall’Enciclopedia Treccani:

«Il bilancio è un modello, basato sulla metodologia contabile, che, tramite un sistema selezionato di variabili e di relazioni tra queste, si propone la determinazione periodica del risultato economico dell’azienda e del connesso capitale di funzionamento. Costituisce il documento mediante il quale l’azienda fornisce all’esterno informazioni circostanziate e sistematiche sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale in cui si trova».

Scendendo ancor più nel merito, la stessa fonte precisa che:

«In ragioneria, il bilancio ha vari significati in relazione al contenuto e allo scopo per cui è redatto. Quando si parla di bilancio di un’impresa, si intende il suo bilancio d’esercizio, cioè lo strumento con il quale si dimostra il risultato di gestione e la composizione del capitale di funzionamento alla fine della gestione stessa. Esso deve assolvere a due finalità: una conoscitiva interna all’impresa e una informativa verso l’esterno. Nel bilancio di esercizio si trovano infatti le principali informazioni per valutare l’andamento gestionale di un’azienda».

Adesso hai più chiaro cosa si intende per bilancio di un’impresa? Molto bene, allora siamo pronti: corriamo a vedere quali sono effettivamente i criteri di redazione del bilancio stesso.

Struttura, chiarezza veridicità e correttezza del bilancio

La struttura del bilancio si compone di due parti principali.

  1. Conto economico generale. Documento che contiene i ricavi e i costi di competenza dell’esercizio, suddiviso in cinque sezioni: A) Valore della Produzione, B) Costi della produzione, C) Proventi e Oneri Finanziari, D) Rettifiche di valore di attività finanziarie e il risultato d’esercizio;
  2. Stato patrimoniale. Documento che definisce la situazione patrimoniale di una società in un determinato momento. È composto da sezioni contrapposte che rappresentano l’attivo (sulla parte sinistra) e il passivo (sulla parte destra).

Alla voce principi di redazione del bilancio Wikipedia, invece,troviamo questo elenco composto da sei diversi elementi:

  1. Continuità;
  2. Prudenza;
  3. Competenza;
  4. Separazione;
  5. Costanza;
  6. Prevalenza della sostanza sulla forma.

Per principio di continuità, di cui al primo punto, si intende il tener conto della prospettiva che l’azienda continui nel tempo la sua attività.

principi di bilancioIl principio di prudenza nella determinazione del reddito, invece, chiede di contabilizzare le perdite e gli oneri anche se incerti o solo presunti e i componenti positivi solo se effettivamente realizzati alla chiusura dell’esercizio. Ne consegue l’indicazione di non contabilizzare utili derivanti da incrementi patrimoniali che non siano certi e durevoli. In poche parole tenere nella giusta considerazione tutti i rischi.

Secondo il principio di competenza i ricavi vanno considerati quando sono maturati nell’esercizio e hanno avuto il correlativo costo.

Un altro dei principi di redazione del bilancio è la separazione, ovvero se in una voce sono compresi elementi eterogenei questi non possono essere compensati, ma vanno valutati separatamente gli uni dagli altri. E poi la costanza, principio per il quale non è consentito di modificare i criteri di valutazione del bilancio d’esercizio.

L’ultimo principio, più che un criterio economico è di metodo. Parliamo della prevalenza della sostanza sulla forma, che è stata introdotto con il D. Lgs. n.6/2003.

Studi di economia e principi di bilancio: l’offerta Unicusano

Se ami le discipline economiche e vuoi approfondire i principi di redazione del bilancio, devi sapere che ci sono diversi corsi che possono darti le competenze specialistiche di cui hai bisogno. Ad esempio, tra i Corsi di Laurea erogati da Unicusano, potrebbero fare al caso tuo:

  1. Economia Aziendale e Management. Corso triennale che offre sbocchi lavorativi in diversi ambiti professionali. Dall’amministrazione, contabilità e controllo nelle imprese private e pubbliche, alla gestione delle risorse umane o al management nelle imprese;
  2. Scienze Economiche. Una delle migliori lauree magistrali di Economia in Italia. Si tratta di un corso di durata biennale che fornisce la preparazione necessaria per intraprendere una carriera manageriale sia nel pubblico che nel privato, ma anche dirigenziale nelle imprese finanziarie e creditizie o di consulenza in ambito economico e finanziario.

Ma questi sono solo alcune delle Lauree dell’area economica proposte dalla nostra Università online. Per conoscerli tutti, ti consigliamo di consultare l’area didattica del nostro sito ufficiale.

Master in redazione del bilancio d’esercizio

Se invece quello che cerchi è un master universitario, ne esistono tre che calzano davvero a pennello:

  1. Redazione del bilancio d’esercizio. Insomma, il master di I livello perfetto per l’argomento che stiamo trattando. Regole civilistiche, principi contabili e disciplina fiscale non avranno più segreti per te, grazie a questo corso in grado di offrire una conoscenza esaustiva della disciplina civilistica del Bilancio d’Esercizio, concentrandosi in particolar modo sui principi nazionali;
  2. Economia e diritto dei mercati finanziari. Altro Master di I livello. Se vuoi svolgere l’attività in ambito bancario, assicurativo o dell’intermediazione finanziaria, ma anche per fondi comuni di investimento o pensionistici, soggetti quotati oppure società di revisione e, perché no, Autorità di Vigilanza, questo è uno Master più spendibili in assoluto per coltivare le tue ambizioni;
  3. Economia e management del settore immobilare. Ultimo Master di I livello che ti proponiamo in questa mini guida per orientarti in ambito economico giuridico. Il suo obiettivo è quello di formare figure professionali manageriali, in grado di distinguersi con successo nell’intero settore immobiliare. Capaci di gestire l’intermediazione per e con imprese, banche, enti finanziari vari e amministrazioni pubbliche.

Così come per i corsi di laurea, anche questi sono solo alcuni dei master disponibili e attinenti questa importante disciplina. Per questo motivo, ti rinnoviamo l’invito a dare un’occhiata a tutti i corsi disponibili nell’area didattica riservata all’economia del portale Unicusano.

E con questo siamo giunti alla conclusione della nostra guida sui principi di redazione del bilancio. Adesso possiedi certamente tutte le informazioni e i consigli utili di cui hai bisogno.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali