informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è la psicologia scolastica: definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Cos’è la psicologia scolastica: definizione e caratteristiche Studiare a Frosinone

Stai cercando informazioni sulla psicologia scolastica? Allora eccoti nel posto giusto.

In questo articolo, infatti, troverai appunti di psicologia scolastica e non solo: una vera e propria guida sull’argomento.

Ma cos’è la psicologia scolastica? Si tratta di un’espressione utilizzata per indicare lo studio delle attività e dei processi educativi dal punto di vista psicologico, mirati alla progettazione di interventi nelle scuole attraverso gli strumenti della psicologia generale, della psicologia dell’educazione e dell’età evolutiva.

Una branca della psicologia, insomma, che si preoccupa della crescita psicologica ed emotiva degli adolescenti. Al fine di prevenire il disagio giovanile e contrastare l’esclusione sociale. Con tutti i fenomeni degenerativi che ne possono scaturire: dal bullismo ad altre forme di violenza o prevaricazione. Favorendo piuttosto l’integrazione tra i ragazzi e le ragazze. Tutti temi che approfondiremo meglio tra poco.

Vuoi saperne di più? Molto bene: entriamo subito nel merito. Buona lettura.

LEGGI ANCHE – Come diventare psicoterapeuta: percorso di studi e opportunità.

Psicologia della scuola: tutto quello che c’è da sapere

Il periodo dell’adolescenza è molto delicato. E la scuola è il luogo in cui si forma il proprio io e si impara a convivere con gli altri. Un’età segnata da molte scoperte e cambiamenti, sia fisici che di natura emotiva. Un periodo nel quale ci si forma e si comincia a scontrare con la realtà quotidiana. Nel quale, insomma, si cresce. Ed è qui che la psicologia scolastica diventa determinante. Andiamo a vedere perché nel dettaglio.

LEGGI ANCHE – Libri crescita personale: 10 titoli assolutamente imperdibili.

Scuola e psicologia adolescenziale: definizioni

Se non hai ancora capito bene la psicologia scolastica cos’è, cerchiamo di fornire una definizione ancora più precisa.

Per farlo, andiamo a cercare psicologia scolastica su Wikipedia. La nota enciclopedia online, citando autorevoli fonti del settore, ci dice che:

«La psicologia scolastica è la disciplina dedicata ad aiutare i giovani socialmente ed emozionalmente.

Gli psicologi della scuola collaborano con gli educatori, i genitori e altri professionisti per generare gli ambienti scolastici sicuri, sani e di sostegno per tutti gli allievi che rinforzano i collegamenti fra casa e scuola.

Sono addestrati nella valutazione, nell’intervento, nella prevenzione e nella consulenza educativa e del comportamento e molti di loro posseggono un vasto addestramento nella ricerca».


Alla luce di ciò, è possibile scorgere alcune affinità tra psicologia scolastica e di comunità. Con quest’ultima che studia le modalità di analisi, prevenzione e intervento a livello di processi psicosociali e comunitari. più ampi, dunque, rispetto a quelli esclusivamente scolastici.

Psicologo scolastico: normativa

In virtù di quanto detto, comprenderai quanto sia importante la una figura dello psicologo scolastico all’interno del corpo docenti.

psicologia scolastica e di comunita

Lo psicologo a scuola, infatti, è utile sia dal punto di vista della prevenzione, che del benessere scolastico e della formazione vera e propria dell’individuo.

Ecco perché anche l’Italia sta cercando di trovare una normativa idonea a regolamentare e valorizzare questa figura. Come nel caso del ddl n. 2967 presentato in Senato nella XIII legoslatura. In particolare, il capo I della suddetta proposta è dedicato proprio alla “Istituzione dello Psicologo Scolastico”.

Nel dettaglio, l’articolo 1 prevede che:

«Nelle scuole di ogni ordine e grado è istituita la figura dello psicologo scolastico al fine di sostenere lo sviluppo e la formazione della personalità del minore».


Mentre l’articolo 3 chiarisce le funzioni che verrebbero svolte dallo stesso:

  • informazione rivolta agli studenti su temi riguardanti lo sviluppo psicologico dell’età evolutiva;
  • rapporto individuale con ogni allievo per il sostegno alla formazione della sua personalità;
  • individuazione di soggetti con problemi di ordine psicologico e loro sostegno e assistenza;
  • collaborazione con gli insegnanti di sostegno;
  • consulenza e informazione rivolta agli insegnanti sugli aspetti psicologici relativi alla fascia d’età dei loro alunni;
  • consulenza psicologica rivolta alle famiglie per lo sviluppo dei figli ed il rapporto genitori-figli.

Letteratura sulla psicologia dell’adolescenza e scolastica

Esistono sulla psicologia scolastica libri, riviste e dispense online molto interessanti. Sull’argomento, sono state anche realizzate diverse tesi di laurea molto interessanti.

Tra i libri di psicologia scolastica, e più in generale adolescenziale, possiamo citare ad esempio:

  • La paura di essere brutti – Gli adolescenti e il corpo, di Gustavo Pietropolli Charmet;
  • Senza paura, senza pietà – Valutazione e trattamento degli adolescenti antisociali, di Alfio Maggiolini;
  • La nascita della intersoggettività – Lo sviluppo del sé tra psicodinamica e neurobiologia, di Massimo Ammaniti e Vittorio Gallese;
  • Manuale di psicoterapia centrata sulla genitorialità – Prefazione all’edizione italiana di Simone Hardt e Giuseppe Cafforio.

Molti anche i testi di psicologia scolastica pdf rintracciabili online.

Riviste di psicologia: adolescenza e non solo

Probabilmente non per quanto riguarda la psicologia scolastica una rivista specializzata esclusivamente sul tema adolescenziale, ma diverse sono quelle di settore che trattano ampiamente questo argomento. Tra le più importanti ricordiamo:

  1. Rivista di psicologia. O più correttamente “Rivista di psicologia pedagogica e alla psicopatologia”. Citazione d’obbligo, in quanto fu il primo giornale italiano scientifico dedicato interamente alla psicologia. Fondato nel 1905 a Bologna da Giulio Cesare Ferrari. La sua produzione finì definitivamente nel 1995 (fatta eccezione per una piccola apparizione nel 1999 e per un numero speciale uscito per celebrare il suo centenario nel 2005);
  2. Rivista psicologia Riza. Si tratta di una delle prime riviste di psicologia moderne nate in Italia. Così come le conosciamo oggi. Ha cadenza mensile ed è diretta da Raffaele Morelli, che l’ha fondata nel 1980. Si basa sui concetti della cosiddetta “filosofia del benessere”, ovvero nel ricercare nella psiche le risposte ai disagi dell’uomo moderno;
  3. Giornale italiano di psicologia. Ecco una delle più autorevoli riviste di psicologia del panorama italiano degli ultimi 30 anni. Il suo successo è dovuto a originali contributi di ricerca, rassegne, interventi e approfondimenti sullo stato della disciplina in Italia e all’estero. Molto utile anche per i non cultori della materia. In quanto riesce a fare informazione critica sulle ultime news di psicologia, offrendo interessanti spunti di riflessione e dibattito per tutti i lettori. Ottimo strumento per approcciarsi alla materia, ma anche per specializzarsi;
  4. Rivista Psicologia Contemporanea. Bimestrale molto utile se sei interessato ad approfondire le diverse applicazioni di questa affascinante disciplina. Dal benessere alle neuroscienze, dallo sport alla comunicazione e alle nuove tecnologie.

Tutte fonti autorevoli che potrebbero esserti utili qualora volessi realizzare sulla psicologia scolastica una tesina.

Corsi di laurea e master in psicologia

Se queste tematiche legate alla psicologia scolastica ti appassionano e vuoi farne materia di studio, devi sapere che Unicusano rappresenta una vera e propria eccellenza in questo settore.

Tra i corsi afferenti l’area strettamente psicologica, ad esempio, la nostra Università eroga corsi di laurea e master sulla psicologia scolastica come:

  • Laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche;
  • Magistrale in Psicologia clinica e della riabilitazione;
  • Magistrale in Psicologia del lavoro e delle Organizzazioni;
  • Master I livello in Psicologia dello Sport;
  • Master II livello in Psicologia Pediatrica e quindi sulla pre-adolescenza maschile e femminile.

Sposandoci sull’area della formazione, invece, troviamo:

  • Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione – Curriculum Cognitivo Funzionale;
  • Laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione – Curriculum Pedagogico Sociale;
  • Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche – Curriculum Socio-Giuridico;
  • Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche – Curriculum Psico-Educativo.

Per consultare la lista completa dei nostri corsi, ti consigliamo di visitare l’area didattica del portale Unicusano.it.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali