informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come si calcola l’IVA? Tutti i passaggi da seguire

Commenti disabilitati su Come si calcola l’IVA? Tutti i passaggi da seguire Studiare a Frosinone

Hai dei dubbi e ti stai chiedendo come si calcola l’IVA? In questo articolo cercheremo di darti le risposte che cerchi. 

Partiamo col dire che ci troviamo davanti ad un calcolo percentuale. Come dici? Non sai di che si tratta? Te lo spieghiamo subito. Il calcolo percentuale è un metodo di calcolo definito mediante percentuali e prevede di esprimere una parte di un totale in centesimi, riscrivendo le frazioni con un semplice numero intero o decimale, seguito da questo simbolo %.

Ti sarà capitato di sentir dire “l’IVA è al 22%” oppure “il prezzo del pane è aumentato del 3%”: ecco questi sono esempi concreti di calcolo percentuale. Prima di addentrarci nel mondo dell’IVA, è opportuno dare una definizione di percentuale, intesa come una frazione con al denominatore un valore pari a 100 ed al numeratore un certo valore: il rapporto tra i due numeri indica quante unità di 100 soddisfino una certa condizione.

Vediamo un esempio concreto. Vuoi sapere a quanto corrisponde il 20% di 600? Semplicissimo:

20:100×600 = 120

LEGGI ANCHE – Principi di redazione del bilancio: ecco quali sono.

Il mondo dell’IVA

Calcolare correttamente l’IVA non è difficile: ti basterà capire il metodo e per te diventerà routine. Come? Esistono le calcolatrici? È vero, ma è sempre bene tenere allenata la mente. E allora prenditi qualche minuto e leggi il nostro articolo. 

LEGGI ANCHE – Che cos’è la crisi d’impresa: un quadro normativo.

Definizioni e storia

L’imposta sul valore aggiunto, meglio conosciuta come IVA, è un’imposta adottata da sessantotto paesi del mondo e applicata sul valore aggiunto di ogni fase della produzione e di scambio di beni e servizi. 

Il 25 marzo 1957, l’Italia stipula con Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo e Paesi Bassi, due accordi tra cui quello che sancisce la nascita della Comunità Economica Europea. Tra gli obiettivi prefissati vi è quello di armonizzare il sistema fiscale, portato avanti nel 1965 col successivo Trattato di fusione (vedi direttiva 67/227/CEE).

Nella direttiva si descrive un sistema comune di imposta che:

“consiste nell’ applicare ai beni ed ai servizi un’imposta generale sul consumo esattamente proporzionale al prezzo dei beni e dei servizi, qualunque sia il numero di transazioni intervenute nel processo di produzione e di distribuzione antecedente alla fase dell’imposizione”.

Dopo aver rimpiazzato undici imposte e bolle antecedenti con la legge 825 del 1971, l’aliquota ordinaria applicata alla maggior parte dei beni e servizi, ha subìto diversi cambiamenti: 

– 12% nel 1971-72;                 – 20% nel 1997;          

– 14% nel 1977;                        – 21% nel 2011;

– 15% nel 1980;                       – 22% nel 2013.

– 18% nel 1982;

– 19% nel 1988

Le imposte indirette sugli scambi (dette “sugli affari”) occupano un posto di rilievo nei moderni ordinamenti tributari, alla luce del notevole gettito che assicurano. Difatti, in Italia, l’IVA fornisce quasi il 30% degli incassi tributari dello Stato e circa il 60% di quelli delle imposte indirette. 

Caratteristiche dell’IVA

L’IVA è un’imposta sui consumi, il cui calcolo si basa sull’incremento di valore che un bene o servizio acquista a ogni passaggio economico, ovvero il valore aggiunto, a partire dalla fase di produzione del bene o servizio fino al suo consumo finale.

Nel valore aggiunto sono comprese eventuali accise, ovvero tasse sulla produzione o fornitura che il venditore scarica sul consumatore finale: mentre per il soggetto passivo d’imposta, come l’imprenditore, l’IVA resta neutrale, questa rappresenta un costo solo per i soggetti che non possono esercitare la detrazione, e dunque per i consumatori finali.

Quindi prima di vedere come si calcola l’IVA, vediamo quali siano i due protagonisti:

  • Consumatore finale, ovvero il contribuente di fatto che, pur non essendo soggetto passivo dell’imposta, ne sopporta l’onere economico;
  • Contribuente di diritto, di norma un imprenditore o un professionista, che ricopre il ruolo di soggetto passivo d’imposta, sebbene questa per lui resti neutrale.

Dunque, l’IVA è un tributo di tipo impositivo:

  • Generale, perché tendenzialmente colpisce tutti i beni e servizi, tranne quelli espressamente esonerati dalla normativa;
  • Trasparente, perché distinguibile in occasione di ciascuna operazione;
  • A pagamenti frazionati, in quanto ad ogni passaggio il fisco incassa una frazione del tributo totale spettante.

Affinché un’operazione sia assoggettata ad IVA, devono essere rispettati dei presupposti:

  1. Oggettivo:cessione di beni o di prestazione di servizi;
  2. Soggettivo:deve essere effettuata nell’esercizio di imprese, arti o professioni, mentre non sono soggette a IVA le vendite tra privati; 
  3. Territoriale:deve essere effettuata sul territorio statale.

Al momento impositivo, ovvero quando le operazioni si considerano eseguite e l’imposta deve essere applicata, nasce il debito d’imposta nei confronti dello Stato ed il soggetto passivo è chiamato a versarla all’Erario secondo le liquidazioni previste. Inoltre, al momento impositivo decorrono i termini previsti dalla legge per adempiere agli obblighi contabili. 

Come calcolare l’IVA?

calcolo percentuale

Eccoci finalmente arrivati: come si calcola l’IVA? Partiamo col dire che il calcolo dell’IVA serve a calcolare, a partire da un’aliquota, che è un valore percentuale applicato sulla base di un valore imponibile del bene o servizio, il prezzo finale di un bene.

Il calcolo dell’IVA viene effettuato a partire dal valore reale della merce e dalla sua classe merceologica. Se invece hai comprato un bene e vuoi sapere quale sia stata l’incidenza dell’imposta, dovrai utilizzare lo scorporo IVA, ma su questo argomento torneremo più avanti. 

I termini che devi conoscere sono:

  • Imponibile:valore esentasse di un bene o servizio;
  • IVA:tassa percentuale calcolata sull’imponibile;
  • Totale:somma delle due suddette voci. 

Dunque, partendo dal valore dell’imponibile, puoi calcolare l’IVA utilizzando questa formula:

IVA = imponibile x 22 : 100    (in questo caso abbiamo supposto l’IVA al 22%).

Calcolata l’IVA, ti basterà sommare questo valore all’imponibile per ottenere il totale:

Totale = Imponibile + IVA

Vediamo un esempio. Supponiamo che tu debba comprare un prodotto dal valore di 1000 € e che sia prevista un’imposta del 22%. 

IVA = 1000 x 22 : 100 = 220

Totale = 1000 + 220 = 1220 ßprezzo finale del bene

Supponiamo ora, che a seguito di alcune lavorazioni, il prodotto abbia un valore di 1200 €. Al momento della vendita il consumatore finale pagherà al venditore una somma pari a à1200 € x 22 : 100 = 264, ovvero 1200 + 264 = 1464.

In base a quanto detto precedentemente, il commerciante verserà all’erario la differenza tra 264 – 220 = 44 €, ovvero l’IVA che il commerciante ha ricevuto dal consumatore finale al netto di quella versata inizialmente per l’acquisto del prodotto iniziale.

LEGGI ANCHE – Agenzia delle Entrate – Modelli di Dichiarazioni IVA.

Lo scorporo IVA

Ed eccoci all’ultimo paragrafo della nostra guida su come si calcola l’IVA.

Parliamo di scorporo IVA, un calcolo grazie al quale si sottrae dall’importo pagato l’ammontare dell’IVA. In questo modo potrai conoscere la cifra da corrispondere al Fisco e la base imponibile del bene. 

È un’informazione fondamentale per verificare la proporzione di crediti e dei debiti nei confronti di fornitori e Fisco. 

Per effettuare lo scorporo IVA puoi utilizzare questa formula: 

100 : aliquota IVA = base imponibile : importo lordo

Ricorda: l’importo lordo corrisponde a quello effettivamente versato (netto + IVA), mentre lo scorporo viene effettuato in funzione del valore 100 + IVA.

Ipotizziamo di aver acquistato un prodotto da 250 € (importo lordo) e che l’IVA sia al 22%. 

IVA = 100 x 22 : 100 = 22 

Quindi: 

100 : 122 = base imponibile : 250 à(250 x 100)/122 = 204,91 € (base imponibile)

In questo articolo ti abbiamo offerto la risposta alla domanda “come si calcola l’IVA?”. Adesso tocca a te, mettiti alla prova. 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali