informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Origini di Halloween: storia e curiosità di questa festa

Commenti disabilitati su Origini di Halloween: storia e curiosità di questa festa Studiare a Frosinone

Quanto ne sai sulle origini di Halloween?

In questo articolo cercheremo di ricostruire la storia e di conoscere tutte le curiosità legate a questa affascinante festa. Un misto tra un film di fantascienza, a giudicare dalla sua simbologia, e un libro di natale per l’atmosfera che i regali del “dolcetto o scherzetto” riescono ad instaurare. Ma anche un po’ carnevale, oltre che ricca di significati più profondi legati alla commemorazione dei defunti. Una ricorrenza ritenuta, spesso erroneamente, estranea alle tradizione italiane o della nostra cultura, in quanto fortemente influenzata dal XX secolo dalle nuove tradizioni americane, che l’hanno resa più macabra e commerciale di quanto non fosse alle sue origini.

Per questo motivo, all’interno di questa pagina troverai una vera e proprio guida sulla nascita e la storia di Halloween.

Cosa ne dici, abbiamo stimolato la tua curiosità? Molto bene, allora non perdiamo tempo ed entriamo subito nel merito, iniziando un viaggio alle origini di Halloween.

Nascita Halloween ed evoluzione: cosa c’è da sapere

Nei paragrafi che seguono, andremo dunque alla scoperta delle origini di Halloween: dal significato del termine alle caratteristiche di questa trradizione, dal Samhain ai vestiti e alle canzoni di Halloween. Dalla tradizione romana a quella americana, passando per quella celtica. Perché la festa Halloween affonda le radici e si evolve all’interno di diverse culture. Andiamo a scoprirle.

Halloween significato

Lanciamoci alla scoperta delle origini di Halloween, partendo dal significato del nome.

Halloween in inglese deriva probabilmente dalla contrazione delle parole “Hallows’ Evening”, ovvero Sera dei Doni in italiano. Altri nomi utilizzati nella storia sono stati Allhalloween (contrazione scozzese settecentesca dell’inglese Allhallow’s-even), All Hallows ‘Eve (tradotto Notte di tutti gli spiriti sacri) o All Saints’ Eve, che equivale ad indicare quella che noi conosciamo come Vigilia di Ognissanti, che precede, appunto, la festa cristiana occidentale dell’All Hallows ‘Day, il giorno dedicato alla commemorazione di tutti i defunti.

Halloween: data e definizione

Chiarita la parte terminologica, vediamo come definisce Halloween Wikipedia:

«Ricorrenza di origine celtica celebrata la sera del 31 ottobre, che nel XX secolo ha assunto negli Stati Uniti le forme spiccatamente macabre e commerciali con cui è divenuta nota.

L’usanza, molto influenzata dalle nuove tradizioni americane, si è poi diffusa in molti Paesi del mondo e le sue manifestazioni sono molto varie: si passa dalle sfilate in costume ai giochi dei bambini, che girano di casa in casa recitando la formula ricattatoria del trick-or-treat (dolcetto o scherzetto in inglese)».

Riguardo il particolare e affascinante contesto simbolico che contraddistingue la festa, inoltre, la nota enciclopedia collaborativa online spiega:

«Caratteristica della festa è la simbologia legata alla morte e all’occulto, di cui è tipico il simbolo della zucca con intagliata una faccia sorridente (il più delle volte spaventosa) e illuminata da una candela o una lampadina piazzata all’interno».

La stessa fonte, circa Halloween in Italia, precisa che:

«Tradizionalmente Notte delle Lumere in italiano, è erroneo il pensiero comune che la festa di Halloween sia estranea alle tradizione italiane, invero usanze affini a quelle della moderna Halloween sono sempre state comuni in tutta Italia, anche se spesso si collocavano nella notte fra il 1º novembre e il 2 novembre».

Adesso sappiamo da dove deriva il termine Halloween, da dove nasce la ricorrenza e quali Ono le sue caratteristiche principali. Tutto chiaro fin qui? Molto bene, allora andiamo avanti.

Storia di Halloween: dai romani ad oggi

La vulgata comune è solita far risalire le origini di Halloween alla cultura celtica o a quella americana. In verità, però, alcuni studiosi ritengono che la sua nascita sia legata ad alcune tradizioni romane risalenti a tempi remoti. Tre in particolare:

  1. La festa romana dedicata a Pomona, dea dei frutti e dei semi;
  2. Parentalia (o Parentali), ovvero le feste a carattere prevalentemente privato che si celebravano ogni anno in onore dei defunti della famiglia;
  3. I Lemuria (o Lemuralia), che venivano celebrate il 9, l’11 e il 13 maggio, per esorcizzare gli spiriti dei morti. I “lemuri”, appunto.

Altro punto di riferimento cronologici da ricordare è il 609, anno in cui Papa Bonifacio IV istituì la festa di Ognissanti, da celebrare proprio il 13 maggio che, come detto, era la data in cui venivano festeggiati i Lemuria romani.

storia di halloweenA distanza di un secolo, poi, Papa Gregorio III spostò tale ricorrenza al primo giorno di novembre, come il Samhain celtico. Quest’ultimo era il nome della festività dei Gaeli e dei Celti nell’arcipelago britannico, una sorta di festa di capodanno che segnava la fine dei raccolti e l’inizio della stagione fredda, esaltando la comunità.

In questo modo la festa pagana si fonde, se non viene sostituita, da una nuova festa riconsacrata alla religione cristiana. Fin quando, con la Riforma luterana, la festa non venne più celebrata nei territori protestanti e tornò laica e pagana, evolvendo  si nel tempo fino a diventare l’attuale Halloween che conosciamo.

Questa è la ricostruzione più accreditata sulle origini di Halloween e la sua storia, seppur negli ultimi anni abbia assunto carattere più consumistico, con un oscuramento progressivo dei significati originari. In particolare nella cultura statunitense e canadese.

Costumi di Halloween

Ricostruite la storia e le origini di Halloween, non ci rimane che andare a vedere quali sono le tradizioni (e gli aspetti consumistici) legate a questa festa.

Ruolo molto importante è quello dei vestiti di Halloween. Soprattutto nei Paesi anglofoni, ma non solo, è infatti molto radicata la tradizione di mascherarsi durante la ricorrenza di questa giornata. Una consuetudine che si sta affermando anche in Italia. Una sorta di carnevale invernale particolarmente orientato, però, ai temi del macabro e al grottesco e che i particolare negli USA rappresenta un grande giro d’affari.

Ma quali sono le vesti per Halloween più ricercate? Ecco dieci dei costumi più popolari:

  1. Zombie
  2. Strega
  3. Vampiro (sopratutto Dracula)
  4. Vamp sexy
  5. Pirata
  6. Infermiera
  7. Gatto
  8. Fata
  9. Fantasma
  10. Zucca

Proprio le pumpkins, ovvero le zucche in inglese, con intagliate delle facce con sorrisi spaventosi e illuminate da una candela o una lampadina piazzata all’interno di ognuna, sono uno dei simboli più conosciuti e significativi di questa festa.

Halloween Film

Diverse sono anche le pellicole che raccontano la storia e le origini di Halloween e che da essa traggono spunto per film fantasy, horror movie o cartoni d’animazione.

Fra tutti, ricordiamo Nightmare Before Christmas, un capolavoro del 1993, ideato e prodotto da Tim Burton, diretto da Henry Selick. Film d’animazione  realizzato in stop-motion. La colonna sonora del film è diventata una delle canzoni di Halloween più conosciute e canticchiate sul tema. Il suo titolo italiano è “Questo è Halloween” (This Is Halloween, in inglese) ed è un brano musicale scritto dal compositore statunitense Danny Elfman. Successivamente ripreso in varie reinterpretazioni da diverse orchestre musicali e da cantanti come Marilyn Manson.

Per la categoria horror e thriller, troviamo la saga avente come protagonista il folle e spietato assassino Michael Myers. Laprima pellicola della serie fu Halloween – La notte delle streghe, risalente al 1978 con regia di John Carpenter. Passata alla storia come una dei più importanti del genere dell’orrore. L’undicesima “puntata” della saga è il più recente film co-scritto e diretto da David Gordon Green nel 2018.

E con questo siamo giunti alla conclusione della guida Unicusano sulle origini di Halloween. Adesso ne sai certamente di più sulla storia di questa ricorrenza. In attesa che la festa arrivi, dunque, non ci rimane che augurarti Happy Halloween.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali