informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Parchi del Lazio: ecco quali visitare

Commenti disabilitati su Parchi del Lazio: ecco quali visitare Studiare a Frosinone

Stai cercando i più bei parchi del Lazio perché ti piace passeggiare, studiare o fare sport all’aria aperta? Oppure perché sei un turista amante del verde e della natura?

Da ovunque derivi la tua voglia di trovare la giusta location ambientale, in questo articolo troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno. Anche qualora volessi organizzare una bella scampagnata in un singolo giorno di festa, una gita di pasquetta o un picnic per il primo maggio.

L’unica cosa che dovrai fare sarà scegliere il luogo che preferisci tra ville da visitare a Roma e Frosinone, riserve naturali mozzafiato, incantevoli oasi protette, affascinanti boschi nel Lazio e i giardini più belli di tutta la regione e non solo. E poi pensare a piccoli dettagli di carattere organizzativo, come fare la spesa se vuoi mangiare al sacco. Oppure partire totalmente all’avventura.

Vuoi saperne di più? Allora allaccia le cintura e iniziamo subito il nostro tour virtuale, immergendoci in paesaggi naturali bellissimi attraverso i parchi del Lazio. Buon viaggio.

Cosa visitare nel Lazio: parchi verdi

Questo articolo vuole dunque essere una vera e propria guida sui parchi del Lazio: dalle aree naturali protette ai parchi nazionali italiani che si trovano in questa meravigliosa regione. Qui infatti, non mancano certo luoghi di questo tipo, tanto che esiste un apposita Agenzia Regionale Parchi Lazio (ARP) per garantire il coordinamento della zona, come il Parco nazionale d’Abruzzo-Lazio-Molise e i parchi nazionali del Circeo e del Gran Sasso. Andiamo a conoscerli meglio.

Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

Iniziamo il nostro giro dei parchi del Lazio, con uno che riguarda da vicino Frosinone. Ma non solo, come si può intuire già dal nome. Il Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, infatti, è compreso tra la provincia del L’Aquila e proprio quella di Frosinone e di Isernia.

Più esattamente, in Abruzzo tocca dodici Comuni, ovvero: Alfedena, Barrea, Bisegna, Civitella Alfedena, Gioia dei Marsi, Lecce nei Marsi, Opi, Ortona dei Marsi, Pescasseroli, Scanno, Villavallelonga, Villetta Barrea

Mentre nel Lazio sono sette: Alvito, Campoli Appennino, Picinisco, San Biagio Saracinisco, San Donato Val di Comino, Settefrati, Vallerotonda.

In ultimo, cinque località nel Molise: Castel San Vincenzo, Filignano, Pizzone, Rocchetta a Volturno, Scapoli.

Per una superficie di 50.500 ettari circa con un’area contigua di circa 77.500 ettari.

Se cerchi un parco Lazio per bambini e adulti, devi sapere che questo prevede anche delle escursioni per i più piccoli davvero divertenti, stimolanti e istruttive, all’insegna delle avventure tra boschi, radure e torrenti sulle tracce degli animali.

L’ideale, dunque, per tutta la famiglia e per tute le età.

Parco naturale del Circeo

Il Parco del Circeo, che prende il nome dall’omonimo promontorio, rappresenta una delle più antiche aree naturali protette d’Italia. Esso si trova lungo la costa tirrenica del Lazio storico, estendendosi da Anzio a Terracina.

Grazie al suo vasto e variegato territorio, che comprende dune, foreste, montagne del Lazio, zone umide e l’Isola di Zannone, ha molto da offrire non solo agli amanti della natura, ma anche dal punto di vista della storia, dell’archeologia, della didattica, del turismo, dello sport o dell’enogastronomia. Un parco da vivere in molti modi.

Parco nazionale del Gran Sasso

Nome completo “Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga”. Di diritto tra i parchi del Lazio più importanti e affascinanti. Non a caso si tratta della terza riserva naturale protetta più grande d’Italia per estensione territoriale.

Anch’esso tocca diversi Comuni e regioni: da Teramo, Pescara e la provincia del L’Aquila in Abruzzo a Rieti nel Lazio, passando per Ascoli Piceno nelle Marche. Estendendosi nei territori della Comunità montana Gran Sasso, di quella montane di Campo Imperatore-Piana di Navelli, della Laga, del Velino e del Tronto.

Per una superficie complessiva di quasi 150 mila ettari su un terreno prevalentemente montuoso.

Parchi con animali Lazio

Se ami gli animali e cerchi parchi del Lazio dove pullula la loro presenza, non preoccuparti: abbiamo pensato anche a questo.

A cominciare dal Bioparco di Roma, un vero e proprio giardino zoologico che ospita migliaia di animali di centinaia di specie diverse e che si incastra con Villa Borghese, di cui parleremo più avanti.

Sempre a Roma, ti suggeriamo una visita alla “Fattoria degli Animali” di Via di Castel Fusano, un parco dedicato a tutti gli animali domestici che hanno aiutato l’uomo a costruire la sua storia.

A Trevignano Romano, nel territorio del Parco Regionale di Bracciano, invece, si trova il Centro Volo Rapaci “I Falchi di Rocca Romana”. Qui potresti osservare e fotografare numerose specie di rapaci come falchi, poiane, aquile e gufi.

Giardini da visitare nel Lazio

Parchi del Lazio significa anche giardini ovviamente.

Nella Capitale, Roma, svettano Villa Doria Pamphilj e Villa Borghese. La prima è una residenza storica che comprende il più grande parco pubblico urbano di Roma. Essa si trova fuori dalle mura gianicolensi, sulle propaggini occidentali del Gianicolo e comprende 184 ettari. Villa Borghese, invece, comprende sistemazioni a verde di diverso tipo: dal giardino all’italiana alle ampie aree di stile inglese, edifici, piccoli fabbricati, fontane e laghetti.

Da visitare assolutamente anche Villa Ada, caratterizzata da numerosi edifici neoclassici, come la villa reale sede delle Legazioni diplomatiche egiziane in Italia. Dove si trova? Precisamente nella zona settentrionale di Roma, nel quartiere Parioli.

parchi verdiE poi la storica Villa Torlonia, che si affaccia su via Nomentana, e il romanticissimo Giardino degli Aranci. Quest’ultimo, detto anche Parco Savello, è grande quasi 8.000 m² ed è posto sul colle Aventino, nel rione Ripa. Da qui la vista sulla città è qualcosa di davvero meraviglioso.

Nel resto della regione, invece, tra i parchi naturali vicino Roma, spiccano le fantastiche Villa Adriana e Villa d’Este, siti Patrimonio dell’Umanità (UNESCO), che si trovano a Tivoli.

Straordinariamente affascinanti anche i Giardini di Bomarzo nel Parco dei Mostri, nel viterbese. Qui la natura è immersa tra sculture in basalto risalenti al XVI secolo e ritraenti animali mitologici, divinità e mostri. Da non perdere, soprattutto se sei un amante del genere.

Siti archeologici del Lazio

Aree verdi, ma anche parchi archeologici. A partire da Roma, dove le principali aree di interesse archeologico sono sedici:

  1. Pantheon
  2. Campo Marzio
  3. Foro Romano
  4. Fori imperiali
  5. Teatro di Marcello
  6. Colosseo
  7. Terme di Caracalla
  8. Terme di Costantino
  9. Domus Aurea
  10. Emporium
  11. Terme di Tito
  12. Mercati di Traiano
  13. Mura aureliane
  14. Mausoleo di Adriano
  15. Mausoleo di Augusto
  16. Circo Massimo

Spostandoci nell’Area Metropolitana della Capitale, troviamo il sito archeologico di Castra Albana, nel Comune di Albano Laziale e l’area di Tibur a Tivoli.

A ovest di Viterbo, invece, si estende la zona archeologica termale, della necropoli di Castel d’Asso, Cerveteri e Trquinia. E poi il sito archeologico di Vignale a Civita Castellana e il Museo archeologico nazionale Tuscanese a Tuscania.

Mentre nel reatino si trovo l’area archeologica di Reate, il sito di Aquae Cutiliae a Castel Sant’Angelo e le terme di Vespasiano a Cittaducale.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali